Alchemy, al Teatro Bellini tornano i Momix

Ad ispirare l’immaginazione del mago della danza   è  questa  volta  l’eterna ricerca dell’oro segreto che vive nel profondo  della  nostra  essenza,  rivelato solo dagli uomini capaci di scrutare il mondo con occhi creativi.  L’inesauribile Moses Pendleton la intitola Alchemy,  che  tratta  dell’arte dell’alchimia, e dell’alchimia dell’arte. È uno spettacolo multimediale realizzato dai suoi superbi ballerini, un lavoro pieno di fantasia, di ironia, di bellezza, di mistero. Nelle parole di W.B.Yeats trova spunto la più recente impresa del coreografo statunitense, fedele allo spirito di innovazione che da sempre accompagna la sua celebre compagnia, per accostare la costante ricerca della danza a quella degli “…innumerevoli alchimisti divini, che lavorassero continuamente a trasformare il piombo in oro, la stanchezza in estasi, i corpi in anime, la tenebra in Dio; e di fronte alla loro opera perfetta avvertii il peso della mia condizione di mortale, e invocai a gran voce, come tanti altri sognatori e letterati di questa nostra età hanno invocato, la nascita di quella raffinata bellezza spirituale che sola potrebbe sollevare e rapire anime gravate di tanti sogni.” Alchemy ci svela i segreti dei quattro elementi primordiali – terra, aria, fuoco, acqua – per creare uno spettacolo che sprigiona arcane suggestioni e ci attira in una dimensione surreale.  Riusciranno  a  trovare  la  formula dell’elisir? Creeranno l’oro?Certamente, per chi crede nell’arte dell’illusione e nell’illusione dell’arte. Una cosa è certa: dopo Alchemy nessuno sarà uguale a prima! Questa è la promessa alchemica di Moses Pendleton…

Spettacoli dal 10 al 15 febbraio 2015

da non perdere

Comments are closed.