Santi, Madonne e musiche da Paradiso: al Pomigliano Jazz è di scena il mitico Archie Shepp con gli Ex Voto di Marco Zurzolo

Il mito Archie Shepp incontra la tradizione popolare della Madonna dell’Arco, con un quintetto inedito guidato da Marco Zurzolo. Stasera , nell’ambito della XX edizione del Pomigliano Jazz in Campania, in scena al chiostro del Santuario della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia (NA) alle 21. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. I “fujenti” e i “toselli” che danzano davanti alle edicole della “Mamma Celeste”, le fanfare e le tammurriate che cingono le processioni delle “paranze” e le evoluzioni dei portabandiera. Da oltre cinque secoli la Madonna dell’Arco e il relativo Santuario di Sant’Anastasia sono meta e fonte di un rituale che si rinnova ogni lunedì d’Albis, uno dei più sentiti e partecipati non solo dalla popolazione vesuviana e campana ma dall’Italia intera. Una tradizione unica, che lega stati d’isteria e parossismi di fede incontrollabili a pratiche religiose devozionali come quella degli oggetti votivi per le grazie ricevute dalla Sacra Vergine. La dicotomia tra il sacro misticismo e l’esuberante folclore pagano di questo evento religioso non ha ovviamente mancato di esercitare il suo fascino potente nell’animo di molti artisti, tanto da ispirare la creazione di opere e dipinti esposti non solo nel Santuario ma nei musei più importanti, da Napoli a Parigi, da Cardiff ad Angers. Un fascino a cui non si è sottratto neanche Pomigliano Jazz in Campania, che in questa sua XX edizione ha pensato di produrre e commissionare tramite “EX VOTO” un progetto speciale, collocato nel cuore del Santuario e direttamente ispirato alla secolare storia e e tradizione della Madonna dell’Arco. Un gruppo italoamericano d’eccezione, che vede insieme protagonisti il sassofonista Marco Zurzolo, il pianista Francesco Nastro, il versatile contrabbassista Reggie Washington e il batterista Giuseppe La Pusata, con la partecipazione straordinaria del del mito vivente  Archie Shepp, esponente di spicco dell’avanguardia newyorkese e leggenda del sax tenore- Un progetto, “EX VOTO”, che nelle radici swing del jazz e nelle sue declinazioni gospel, free e blues raccoglie insieme e rielabora (nel ponderato registro di nuovi arrangiamenti ed elementi di standard afroamericani curati da Francesco Nastro) diversi temi composti e inseriti da Zurzolo in quella che fu la sua pregevole trilogia discografica costituita dagli album “Ex Voto”, “Napoli ventre del Sud” e “Pulcinella”.  Pensato da Pomigliano Jazz per essere speciale singolare finanche nella dislocazione coreografica e scenografica dell’evento, attraverso l’idioma moderno del jazz e della libera improvvisazione “EX VOTO” tenterà di tradurre e veicolare i contrastanti segni e aspetti di sacro e pagano manifestati da moltitudini di fedeli nei confronti della Madonna dell’Arco. (ph Titti Fabozzi)

Comments are closed.