Ritorna a Palazzo Allocca la Festa del Merlo: performance, video-installazioni e poesia


Saviano – La Festa del Merlo compie ventun anni, all’insegna dell’arte libera e condivisa. È in programma domenica 20 marzo, a partire dalle h 17:30 nell’ormai consueta e suggestiva cornice di Palazzo Alloca a Saviano, la XXI edizione di quella che è diventata, negli anni, un appuntamento imperdibile per gli appassionati d’arte contemporanea.
Ideata dagli artisti Antonio Sgambati e Felix Policastro nel 1996, oggi la festa è organizzata dall’Associazione Nazionale per la Liberazione del Merlo Maschio, dal Comune di Saviano e dalla Pro Loco. Alla fine della serata, come da tradizione, “Si celebrerà la tradizionale liberazione del merlo aprendo la gabbia al ventunesimo rintocco di campana, simbolo del passaggio dal buio alla luce” racconta Felix Policastro, artista ed ideatore della serata. “L’atto simbolico – continua – richiama numerosi artisti a presentare le proprie suggestioni dalle espressioni più alte e variegate in un clima di festa”. Oltre a Salvatore Paladino, che firma il manifesto di presentazione di quest’anno ci saranno le performances pittoriche, in ordine sparso, di Gianroberto Iorio, Enzo Palumbo, Gimmi Devastato, Mimmo Di Dio, Enzo Angiuoni, Giuseppe Di Guida, Diana D’Ambrosio, Roberto Iossa, Rosanna Iossa, Alfonso Caliendo, Claudio Bozzaotra, Sergio Gioielli, Giacomo Savio, Gianfranco Coppola, Massimiliano Coppola, Sergio Riccio, Angelo Marra, Raffaele Avella, Vittorio Pannone, Francesco Manguso, Nunzio Meo, Anna Colmayer, Enrico Grieco, Juan Lemon, Luigi Pagano, Veronica Vecchione, Giuseppe Sapio, Nello Mocerino e Pietro Lista.
In più quest’anno la festa sarà impreziosita dall’installazione video sonora di Enrico Grieco, allestita da Luigi Vanacore, dal titolo BIGBANGWAR. A questa si affiancheranno anche i video di Raffaele Riccardi e Vittorio Savinelli.
Completeranno la serata “Le bolle di primavera” di Adriana Carlesimo, Susanna Ristow e il suo “discomeduse”, “Metamorfosi mimica” di Claudio Salerno, Gabriele Pierro e Mario Saulino; “Il merlo Gayo” di Pietro Lista e la CERAMICA RAKU a cura di Filippo Felaco.
Non mancheranno spazi dedicati alla letteratura e alla poesia, con i versi di Zi Peppe “Questa terra è la mia terra”, le poesia di Ariele D’Ambrosio, Lindo Fiore, Sergio Zuccaro, Domenico Mennillo, Franca Battista, Mimmo Grasso, Lello Agretti, Eugenio Lucrezi e Michele Fianco, affiancati dalla presentazione de “I Libri del Merlo” 2016.
La colonna sonora è affidata a “I Lord’s” e al loro repertorio rock e blues, mentre “l’arte culinaria” a Enzo Romano, Dario Di Guglielmo e Franco Bosso con MULINO BENCIVENGA – PANE ASCIUTTO, PANE E OLIO, PANE E… Inoltre sarà presentata in anteprima e in esclusiva per il merlo Maschio LA PIZZA FRITTA CON RICOTTA E… e i MERLOTTIELLI col pomodorino di campagna.
Durante tutta la serata Salvatore Allocca distribuirà semi di girasole ai presenti in segno di “rinascita e condivisione”.
Sono tutti invitati per un serata fatta di arte, solidarietà e un pizzico di magia.

Per maggiori info:
XXI Festa del Merlo

Comments are closed.