#10ANNIONEST: in scena “Love Bombing”

Napoli, teatro Nest, 13, 14 e 15 dicembre

Post date:

Author:

Category:

- Pubblicità -

“C’è chi sostiene che la guerra sia insita nell’essere umano come la vita e la morte. Quella guerra che annulla ogni forma di civiltà, di umanità e che trasforma gli uomini viventi in morti viventi”. (Abraham Lincoln)

- Pubblicità -

Il 13, 14 e 15 dicembre, per i 10 anni di attività artistica e militanza culturaledella Compagnia Nesttorna in scena Love Bombing, uno spettacolo capace di calarsi profondamente nell’attualità e nelle sue paure e, al tempo stesso, di rappresentare una profonda e più complessa riflessione sulla libertà e la responsabilità. Partendo dalla cronaca, dalle problematiche che attanagliano il nostro spazio vitale, Love Bombing utilizza come pretesto la minaccia dello stato islamico per indagare sulla degenerazione umana. Utilizzando il teatro come luogo di ragionamento e approfondimento, affronta un tema che tocca chiunque: la perdita dell’umanità. Inoltre per l’occasione il pubblico potrà visitare la mostra dedicata,  “#10NEST – dieci anni di compagnia” con foto e oggetti di scena della Compagnia Nest, a cura di Carmine Luino e Giovanna Napolitano, scatti che anno dopo anno testimoniano tutti gli spettacoli prodotti e messi in scena dalla Compagnia, per ricordare e celebrare il lavoro di un gruppo di giovani ardimentosi che con enormi sforzi sono cresciuti e diventati adulti. 

LA STORIA 

Fuori, i Mujaheddin che portano a compimento il genocidio, dopo aver decapitato il Papa e portato il mondo occidentale alla sua fine. Dentro un bunker, cinque uomini nascosti nel disperato tentativo di sopravvivenza. Un microcosmo in cui resiste il senso di appartenenza, di fratellanza, quel briciolo di civiltà che l’attacco islamico sembra aver sepolto insieme a tutte le teste tagliate, finché uno del gruppo riesce a catturare un Mujaheddin e decide di portarlo all’interno del bunker per torturarlo e vendicarsi. È questo l’episodio che scatenerà un conflitto tra i cinque personaggi e li costringerà a dover scegliere tra quello che erano e quello che sono diventati. 

IL REGISTA 

«…Finora, comunque, in base a tutto quello che si sa sull’ISIS e sulla sua capacità militare, non rischiamo la distruzione di massa. La rischieremmo se lasciassimo diventare il Califfato molto più potente di quello che è ora.»

Quando ho letto queste righe in un articolo di Stefano Magni (L’Opinione – 09/2014), pensai che sarebbe stato interessante raccontare proprio quel “rischio”. Pensai che raccontare una distruzione di massa voleva dire raccontare la degenerazione umana. A quel tempo stavo guardando la serie tv “The Walking Dead”, e mi parve interessante l’idea drammaturgica che ne veniva fuori: i morti viventi erano un pretesto per raccontare i vivi morenti. Così ho immaginato che il mondo abbia fatto diventare il califfato molto più potente di quello che è ora, e che i Mujahideen abbiano conquistato l’occidente sterminando chiunque non fosse musulmano. Un nuovo genocidio, e come tale, non diverso da quelli passati. Lo stato Islamico, quindi, come pretesto per raccontare il disfacimento dell’umanità. 

LA MOSTRA  #10NEST – dieci anni di compagnia 

“10NEST – dieci anni di compagnia” è un percorso visivo e tattile fatto di scatti e oggetti di scena che testimoniano, anno dopo anno, tutti gli spettacoli prodotti e messi in scena dalla Compagnia Nest. Un modo per ricordare e celebrare il lavoro di un gruppo di giovani ardimentosi che con enormi sforzi sono cresciuti e diventati adulti. La storia racconta che durante la tournée di un fortunato spettacolo dal titolo noto, GOMORRA, un gruppo di attori decide di unirsi per provare a esprimere la propria esigenza artistica. Ciò che ha spinto e spinge ancora il collettivo è un semplice ma fondamentale obiettivo: avere coscienza. Sulle cose, su ciò che ci circonda, sull’esistere. Avere coscienza per riuscire a rappresentare ciò che accade, mescolando la verosimiglianza della cronaca con l’onirico del teatro. Portare sul palco ciò che accade intorno, trasmutato dalla propria interiorità, dalla propria estetica, dall’utilizzo di tecniche e saperi, perché dall’ego si passi all’oggettivo. Al fruibile universale. Perché si crei la relazione giusta con lo sguardo del pubblico. Per riconoscersi e riflettere su ciò che esiste. Perché in questo territorio, in questa città, in questo paese, nel mondo, c’è gente che passa una vita a non avere coscienza delle cose. Dieci anni nel tentativo di irrobustire la propria poetica e scandagliare a fondo l’autocoscienza. 

#10ANNIONEST

13, 14 E 15 DICEMBRE 

LOVE BOMBING 

uno spettacolo della Compagnia Nest

scritto e diretto da Giuseppe Miale di Mauro

con 

Gennaro Di Colandrea / L’Ergastolano

Giuseppe Gaudino / Il Falco

Stefano Jotti/ L’Avvocato

Adriano Pantaleo / ‘O Guaglione

Giovanni Serratore / Il Mujahideen

Andrea Vellotti / Il Pediatra

Light Designer / Luigi Biondi e Giuseppe Di Lorenzo

Scenografia / Carmine Guarino 

Realizzazione scene/ Dino Balzano

Costumi / Giovanna Napolitano

Grafica e foto di scena / Carmine Luino

una produzione Nest

Programmazione:

13 dicembre ore 21.00

14 dicembre  ore 21.00

15 dicembre  ore 18.00

COSTO BIGLIETTO: 12 EURO RIDOTTO: 10 EURO 

- Pubblicità -

SOCIAL

4,274FansLike
411FollowersFollow

INSTAGRAM

Il quintetto jazz capitanato dagli ex Zawinul Syndicate, Roger Kiwandu e Linley Marthe al Moro

Si può tranquillamente parlare di evento per il concerto di venerdì 21 febbraio al Moro di Cava de'...

Spettacolo itinerante nelle sale museali del MAV

Sabato 22, in doppio spettacolo, (ore 18.00 e ore 20,00), KARMA –ARTE CULTURA TEATRO vi riporta in...

Astradoc: Della Casa e Caprara per il film “Boia, maschere e segreti: l’Horror italiano degli anni Sessanta”

Venerdì 21 febbraio 2020 alle ore 20.30 al Cinema Academy Astra, per la rassegna “AstraDoc – Viaggio nel...