“L’oggetto immaginifico” a cura della compagnia Sombresa

Baronissi ( Salerno ), convento francescano SS Trinità, 2 febbraio 2020 -ore 18.00

Post date:

Author:

Category:

- Pubblicità -

Domenica 2 febbraio alle ore 18.00, la Compagnia Sobremesa presenta la performance teatrale dal titolo “L’OGGETTO IMMAGINIFICO” con la regia e lo spazio scenico di Andrea Avagliano, nella doppia veste anche di interprete insieme agli attori Francesco Casaburi ed Enrico Santoro, con le musiche e loopstation di Vito Palazzo, l’allestimento scenico di Pio Manzo , la segreteria organizzativa di SusyAutuori e la comunicazione di Barbara Landi

- Pubblicità -

L’idea performativa si ispira alla mostra “OBJETS RITUELS. Scarpe, amuleti e viaggi per l’immaginario a cura di Massimo Bignardi, ospitata negli spazi della Galleria dei Frati del Museo FRaC: l’installazione museale propone 85 oggetti creativi realizzati dagli settanta al 2000, da 64 artisti italiani, appartenenti a generazioni e linguaggi diversi tra loro, che offrono un’ulteriore e specifica attenzione all’oggetto e alle sue potenzialità immaginative, tra scarpe, amuleti, corni apotropaici e itinerari di viaggi mai intrapresi. Oggetti d’arte non da ammirare, ma che si caratterizzano come punti di domanda, sul filo dell’ironia, carichi di forza seduttiva, spostando l’attenzione e spingendo alla riflessione – come rileva il professor Bignardi – sul concetto di identità e sul sistema simbolico della ritualità.

“L’OGGETTO IMMAGINIFICO” dei Sobremesa è un complesso di suggestioni evocate dal repertorio di oggetti in esposizione, attraverso cui gli attori-autori si muovono, con voci, musiche e improvvisazioni sceniche, con un approccio dichiaratamente ludico, tra brani letterari, arte contemporanea e commedia all’italiana.

La Compagnia Sobremesa  incrocia e fonde diverse sensibilità ed esperienze, provenienti dal teatro di prosa e di inclusione sociale, dalla musica, dalla gestione e valorizzazione del patrimonio culturale. La visione originale del gruppo è la ri-combinazione dei diversi linguaggi artistici sia nella fase performativa che autoriale, e la conseguente riproposizione in spazi teatrali non convenzionali, come ad esempio musei, archivi e biblioteche.

Con questa performance si fortifica e si amplia il progetto culturale già avviato presso il Fondo Regionale di Arte Contemporanea (FRAC) di Baronissi, nell’ambito della programmazione degli eventi e delle attività didattiche del museo a cura dell’Associazione Culturale “Tutti Suonati”: sinergia che ha già prodotto la messa in scena di “Salvador Dalì. Yo soy un genio!” e “Pino Pascali. Il ragazzo Terribile”.

L’ingresso alla performance è gratuito.

- Pubblicità -

SOCIAL

4,274FansLike
411FollowersFollow

INSTAGRAM

“Mescole” nuove alchimie alcoliche all’Archivio storico di Napoli

Mescole ovvero incontri. Di ingredienti, di idee, di creatività. È la nuova iniziativa di Archivio Storico, il cocktail bar...

Giornata internazionale della guida turistica

Venerdì 21 febbraio, ore 11,30, presso il MUSAP, Museo Artistico Politecnico di Napoli (piazza Trieste e Trento, 48), viene presentata...

Il quintetto jazz capitanato dagli ex Zawinul Syndicate, Roger Kiwandu e Linley Marthe al Moro

Si può tranquillamente parlare di evento per il concerto di venerdì 21 febbraio al Moro di Cava de'...