“Mescole” nuove alchimie alcoliche all’Archivio storico di Napoli

Napoli, Archivio Storico, 26 febbraio, 4-11 e 25 marzo 2020

Post date:

Author:

Category:

- Pubblicità -

Mescole ovvero incontri. Di ingredienti, di idee, di creatività. È la nuova iniziativa di Archivio Storico, il cocktail bar di Napoli che dal 2013 fa cultura del bere miscelato. Un calendario di incontri, i migliori protagonisti della mixology, uno per ogni serata, per esplorare nuove alchimie alcoliche.

- Pubblicità -

È dal confronto che nascono le migliori proposte: ecco allora una serie di appuntamenti e professionisti dello shaker alternarsi al bancone dell’Archivio Storico per proporre grandi classici e nuove interpretazioni. Una cocktail parade che accende i riflettori sui protagonisti della mixology a Napoli e in Campania e sull’arte della miscelazione di qualità. Si comincia il 26 febbraio con Paolo Manna di Donna Romita Alcolici&Cucina di Napoli; il 4 marzo è la volta di Dante La Gala del VBRR di Nola, si prosegue l’11 con Nino Siciliano dello Speakeasy di Pomigliano d’Arco e il 25 marzo con  Salvatore Scamardella di Piazza Vanvitelli Experimental Bar di Castellammare di Stabia.

Ospiti per una sera – dalle 21.30 – dell’Archivio Storico porteranno con sé ricette ed esperienze per raccontarsi al pubblico e proporre il proprio drink: stili e tecniche di miscelazione a confronto, sperimentazioni, ricerca, contaminazioni creative e un pizzico di puro spettacolo. A fare gli onori di casa Luca Iannuzzi, fondatore di Archivio Storico e grande cultore di spirits, e il bartender resident, Salvatore D’Anna, appassionato sperimentatore di ricette e abbinamenti.

IL LOCALE – Segnalato dal New York Times tra i migliori cocktail bar di Napoli, l’Archivio Storico è stato il primo speakeasy in città – con tanto di passaggio segreto – aperto nel 2013 da Luca Iannuzzi, imprenditore partenopeo. Scoperta è la parola chiave di questo spazio ricavato in quelle che erano le cantine e i cellai di un antico palazzo storico nel cuore del Vomero. Il locale si affaccia sulla strada come un semplice bar, ma una scala conduce al piano inferiore: qui un grande quadro di tre metri di altezza raffigurante il Trionfo di Don Carlo di Borbone si apre come una porta scorrevole e introduce ad uno straordinario caveau, quasi uno spazio segreto che si dipana in cinque sale, una nell’altra, scandite da grossi muri e archi in tufo, luci soffuse, cimeli d’epoca, poltrone, sofà e tavoli alti. La sala bar si svela quasi alla fine e sorprende per il singolare soffitto fatto di quadri e cornici disordinatamente sistemati orizzontalmente e la straordinaria bottiglieria a vista. L’offerta drink è tra le più contemporanee e aggiornate che la città propone: sperimentazione, altissima qualità degli spirits e tecnologia all’avanguardia – è l’unico locale in Campania a vantare il Rotavapor, innovativo apparato di distillazione che consente di distillare a bassissime temperature.

- Pubblicità -

SOCIAL

4,287FansLike
412FollowersFollow

INSTAGRAM

Pompei partecipa a “M’illumino di meno”

Il sito archeologico di Pompei partecipa, per il terzo anno, alla campagna “M’illumino di Meno” di sensibilizzazione e...

Best Actor Award di New York, Paco De Rosa vince il premio come miglior attore drammatico

Paco De Rosa vince il premio come miglior attore drammatico al Best Actor Award, grazie alla sua interpretazione nel...

In uscita “Lo spazio tra le cose”, il nuovo romanzo di Antonio Benforte

Cosa succede in una giovane coppia quando si trova ad affrontare un trasloco verso una casa più...