“Stabat Mater” in dialetto napoletano, al Nest

Napoli, teatro Nest, 15 e 16 febbraio 2020 -ore 21.00 e 18.00

Post date:

Author:

Category:

- Pubblicità -

La stagione NEST prosegue con “STABAT MATER” in scena sabato 15 e domenica 16 febbraio. Tratto dal testo originale di Antonio Tarantino, “Stabat Mater” torna in un’originale versione riadattata da Stella Savino e Fabrizia Sacchi in dialetto napoletano. Luca Guadagnino e Stella Savino ne firmano la regia. L’attrice Fabrizia Sacchi, in scena per un’intera ora con Gennaro Lucci (scelto tra i ragazzi del folto gruppo #GiovaniO’Nest), interpreta il delirio appassionato e intenso e il lamento straziante di Maria Croce, ragazza madre meridionale nella periferia di una Torino ferita e degradata, all’inizio degli anni ’90.Sinossi

- Pubblicità -

Stabat Mater è una preghiera di origine medievale che fa riferimento alla permanenza di Maria di Nazareth ai piedi della croce del Cristo, titolo ricorrente in letteratura e in arte, topos metaforico di una condizione di sofferenza estrema che designa il lato profondamente umano dell’episodio evangelico. La Madre che sta ai piedi del figlio morente è parte fondante dell’iconografia e della stessa religione cristiana, ma è anche – in termini laici – simbolo della maternità che vive la innaturale situazione di vedere un figlio morire dinanzi ai propri occhi.

 Maria Croce è una donna sola, emigrante del sud a Torino, che urla, vomita al mondo, soprattutto all’amore della sua vita, a Giuvà, la sua disperazione, e lo fa con grazia e sarcasmo, nel suo dialetto, in napoletano. In questa divertente e agghiacciante litania non risparmia nessuno, perchè lei “mica tiene scritto sali e tabacchi in fronte?”, e tutti sono coinvolti nel mistero della sua vita e di suo figlio, e quando capirà la verità sarà la sua natura ad agire di conseguenza. 
Note di Regia

La scrittura è forte, compatta e concentrica, piena di malaproprismi linguistici, commistioni dialettali, frasette ripetute a loop che conferiscono alla Maria tutta la sua popolana irriverenza. Questo spettacolo è stato creato a misura sull’attrice, l’allestimento prevede la presenza di una sedia, una scala, un vecchio telefono della Sip e un servo di scena che trascina Maria da una situazione all’altra.

di Antonio Tarantino

con Fabrizia Sacchi e Gennaro Lucci

regia Luca Guadagnino e Stella Savino

adattamento in napoletano

di Stella Savino e Fabrizia Sacchi

Programmazione:
15 febbraio ore 21.00
16 febbraio ore 18.00

Prenotazioni

whatsapp e mobile: +39 3208681011
whatsapp e mobile: +393333223780

- Pubblicità -

SOCIAL

4,274FansLike
411FollowersFollow

INSTAGRAM

“Mescole” nuove alchimie alcoliche all’Archivio storico di Napoli

Mescole ovvero incontri. Di ingredienti, di idee, di creatività. È la nuova iniziativa di Archivio Storico, il cocktail bar...

Giornata internazionale della guida turistica

Venerdì 21 febbraio, ore 11,30, presso il MUSAP, Museo Artistico Politecnico di Napoli (piazza Trieste e Trento, 48), viene presentata...

Il quintetto jazz capitanato dagli ex Zawinul Syndicate, Roger Kiwandu e Linley Marthe al Moro

Si può tranquillamente parlare di evento per il concerto di venerdì 21 febbraio al Moro di Cava de'...